Festival Orchestra

Violini I

FEDERICA SEVERINI (Spalla)

Federica Severini, nata nel 1996, si è diplomata in violino presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli con il massimo dei voti, lode e menzione.Ha seguito i corsi di perfezionamento del Maestro Salvatore Accardo presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona ed ha conseguito il diploma di alto perfezionamento sia in violino sia in musica da camera, presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Ha conseguito il MAS (Master of Advanced Studies) presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano con il Maestro Klaidi Sahatci.
È risultata vincitrice del Primo Premio al Concorso “American Protègè – International Concerto Competition” di New York, esibendosi nella Weill Hall della Carnegie Hall ed il Primo Premio Assoluto al Concorso internazionale "Dinu Lipatti" di Roma. Ha inoltre conseguito una borsa di studio per il progetto “Il sogno di un violino” per esibirsi da solista con l’Orchestra da Camera Italiana diretta dal Maestro Salvatore Accardo presso il Teatro Eliseo di Roma. Attualmente è violino di fila presso la Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano ed è risultata idonea al Concorso di Violino di fila dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Ha fatto parte dell'organico dell'Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala di Milano, esibendosi anche in qualità di spalla. Ha collaborato con i Cameristi della Scala,Teatro San Carlo di Napoli,Teatro Verdi di Salerno, Orchestra da Camera Italiana, Solisti Aquilani, Tiroler Festspiele Orchesterakademie, Camerata Ducale e La Fil- Orchestra Sinfonica di Milano. Si è esibita con direttori del calibro di R. Muti, D. Gatti, M. Mariotti, Z. Mehta, T. Gushlbauer, D. Coleman, J.Valçuha, P. Steinberg, I. Fisher, P. Rundel, P. Sorokin, W. Hermanto. Si dedica assiduamente alla musica contemporanea. Ha partecipato al progetto Biennale College Musica della Biennale di Venezia negli anni 2015-16 e alla rassegna “Assoli” dell’Accademia Filarmonica Romana. Attualmente collabora con Divertimento Ensemble di Milano con cui si è esibita presso l’Huddersfield International Contemporary Music Festival.

Eryka Piotrowska

Eryka è nata nel 1998 a Oława e ha iniziato a suonare il violino all'età di 4 anni sotto la guida della signora Maria Surówka. Attualmente è studentessa al terzo anno della Prof. Magdalena Szczepanowska e Wojciech Koprowski presso l'Università di Musica Fryderyk Chopin di Varsavia, Polonia. Ha partecipato a diverse masterclass sotto la supervisione di Bartłomiej Nizioł, Xiaoming Wang, Prof. Szymon Krzeszowiec, Piotr Jasiurkowski, Prof. Marcin Baranowski, Prof. Danuta Głowacka-Pittet, Prof. Magdalena Szczepanowska e Janusz Wawrowski. Ha vinto il concorso "Piccolo violinista" - 1° posto (2008, 2010), 3° posto (2009); Concorso "Grażyna Bacewicz Competition, Wrocław - Menzione d'onore (2010), Concorso di violino, Świdnica - 2° posto, Concorso di violino, Oława - 1° posto, "Miniatura moderna dopo il 1994", Wrocław - 3° posto (2015), Concorso di violino, Zielona Góra - Menzione d'onore, III° Concorso di musica da camera con pianoforte", Leszno - 2° posto (2016), ,Karol Kurpiński Polonaise Competition", Włoszakowice - 3° posto (2016), Concorso di violino, Zielona Góra - 2° posto (2016), XI Concorso internazionale di violino Schloss Zell an der Pram - finalista (2017), borsista del sindaco della città di Breslavia per l'anno scolastico 2016/17.

Tommaso Bruno

Tommaso Bruno ha iniziato i propri studi violinistici all'età di sei anni sotto la guida di E. Mazzacua. Dall'età di undici anni ha cominciato gli studi presso il Conservatorio G. Puccini della Spezia, seguito dal maestro F. Merlini e successivamente dal maestro R. Marchesi. Nel 2016 ha conseguito il diploma di violino ottenendo una valutazione di 10 e lode. Nel 2018 ha poi intrapreso un corso di laurea biennale di violino presso l'Istituto superiore di studi musicali L. Boccherini sotto la guida del Maestro A. Bologni, ottenendo una valutazione di 110 e lode. Ha ottenuto il primo premio in concorsi svoltisi a Viareggio, Piombino (“Riviera etrusca”) e presso il Conservatorio di Genova, contestualmente al conseguimento di alcune borse di studio, a Chiavari (“Amici di Sara”) e a La Spezia, nell'ambito del Conservatorio. Dall'estate del 2019 ha iniziato un master in violino presso la Truman State University negli Stati Uniti (MO).

Violin II

Caterina Coco

Caterina Coco nasce a Catania nel 1991, dopo aver iniziato gli studi col M° Gemma Romeo, frequenta l'Istituto musicale "V. Bellini" di Catania, e si diploma col massimo dei voti e la lode, sotto la guida della prof.ssa Carla Marotta. Ha proseguito gli studi con i maestri S. Girshenko, A. Kandinskaja, M. Kopelman, S. Pagliani, F. Manara, L. Marzadori, F. De Angelis. Ha svolto concerti solistici e in qualità di primo violino di spalla con l'orchestra dell'Istituto Musicale "V. Bellini" di Catania. Dopo gli studi, ha collaborato come solista e come prima parte anche con l'Aetna String Ensemble, gruppo d'archi siciliano che negli ultimi anni ha ottenuto consensi dal pubblico e dalla critica. E' stata ammessa come effettiva al biennio 2014/2015 e al biennio 2016/2017 dell'Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala di Milano. Ha collaborato con varie orchestre tra cui: Taormina Arte, Orchestra del Teatro Massimo "Vincenzo Bellini di Catania" e Luglio Musicale Trapanese (anche in qualità di prima parte). Prosegue un'attività di musica da camera che l'ha vista coinvolta in progetti con i musicisti del Teatro Massimo "V. Bellini" di Catania, e in altre formazioni cameristiche esibitesi, oltre che in festival nazionali (in quartetto al Festival Pontino in Musica 2016), anche all'estero (sempre nel 2016 al Pavillon Henri II a Parigi con il quartetto Chagall). Ha conseguito sempre nel 2016 col massimo dei voti, l’abilitazione all'insegnamento del violino nella scuola secondaria di I e II grado presso l'Istituto "V. Bellini" di Catania. Ha recentemente collaborato con l'Ensemble di musica contemporanea "G.Bernasconi" dell' Accademia del Teatro alla Scala, sotto la direzione del M° M. Chung in concerti a parti reali con musiche di Bach-Vuataz, Ligeti, Stravinskij. Attualmente collabora con l'orchestra filarmonica di Mannheim, con l’orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala, (sotto la direzione di maestri come Cristoph Eschenbach, Manfred Honeck, Zubin Mehta, David Coleman, Adam Fischer, Fabio Luisi), collabora anche con l'orchestra Ernst&Young di Roma (sotto la direzione del M° Carlo Rizzari), OAV, Orchestra da Camera “Canova” anche in qualità di prima parte, Orchestra del Teatro Sociale di Como, Orchestra Giovanile “L. Cherubini” ed altre formazioni da camera con le quali si esibisce in territorio nazionale ed estero. Ha, inoltre, preso parte come membro della band del tour 2019 di Laura Pausini e Biagio Antonacci. Ha coltivato sin da piccola una forte passione per il jazz e l’improvvisazione spaziando su vari generi ed influenze.

Valentina Palazzari

Ha iniziato lo studio del violino a soli tre anni con il metodo Suzuki sotto la guida della Prof.ssa Heloise Hellier. Si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia sotto la guida del M° Paolo Franceschini. Ha fatto parte della classe di musica da camera, presso il medesimo Conservatorio, sotto la guida del M° Francesco Pepicelli. Ha studiato con il M° Cristiano Rossi e Vadim Brodski e partecipato a varie masterclasses con i M° Sonig Tchackerian, G. Pierannunzi, Sergej Krylov. Attualmente si sta perfezionando con il M° Stefano Pagliani. È risultata vincitrice all' età di 14 anni del primo premio assoluto al Concorso Zangarelli e al Concorso Nazionale F. Polverini. Collabora stabilmente con l'Orchestra Filarmonica Campana, l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, l'Orchestra da Camera di Perugia, l' Orchestra Filarmonica di Benevento, Umbria Ensemble. Partecipa annualmente alla manifestazione di Umbria Jazz collaborando con artisti come Paolo Fresu e Quincy Jones. In qualità di primo violino del Quartetto " Imago Sonora " si è esibita presso l' Istituto di Cultura italiana a Vienna. Con il Quartetto Umbria Ensemble ha collaborato in molti concerti e a maggio 2017 in una tournée in Cina esibendosi in Sale da Concerto tra le più prestigiose come Shanghai Oriental Art Center, Chongqing Grand Theatre e Beijing Tsinghua University. In duo con pianoforte, ha tenuto vari concerti partecipando anche al Festival Internazionale "Giovani Concertisti" di Castel Rigone. Nel 2017 ha partecipato ad una tournée in Cina con la Nuova Orchestra Scarlatti per la produzione di più di 30 spettacoli tra Opere liriche e Concerti sinfonici che si sono tenuti in sale tra le più prestigiose come Tianjin Grand' Theatre, Harbin Grand' Theatre, Hainan Center for the Performing Arts e Xiamen Banlam Grand Theatre. Si è esibita sotto la guida del M° Lanzillotta, M° Sir Antonio Pappano, M° Carlo Palleschi, M° Giulio Marazia, M. Gianluca Martinenghi. Nel 2019 ha effettuato una Tournée in Cina chiamata dall' Orchestra Filarmonica Campana in qualità di Primo Violino di fila. Nel 2018 è risultata idonea all' Audizione della 150rchestra Orchestra Sinfonica di Piacenza e all'Audizione dell' Orchestra Europa in Canto. A marzo 2019 è risultata idonea, come violino di fila, all' Audizione Straordinaria dell' Orchestra Giovanile Italiana. In qualità di docente insegna Violino nella Scuola Secondaria di Primo Grado.

Alessia Rancitelli

Alessia Rancitelli, violinista Italiana, consegue il diploma di Violino a diciannove anni presso il Conservatorio L. d'Annunzio di Pescara sotto la guida del M° Pierluigi Mencattini. Viene seguita contemporaneamente dal M°Francesco Manara, primo violino del Teatro alla Scala di Milano,e svolge vari corsi di alto perfezionamento tra cui quello tenuto dal M°Cecilia Laca, primo violino del Teatro San Carlo di Napoli. Gia all'interno del conservatorio inzia ad avvicinarsi all'ambiente orchestrale lavorando con direttori e artisti del genere classico e pop: M°Leonardo De amicis, Riccardo Cocciante, M°Roberto Molinelli, M°Gianna Fratta, M°Nicola Paszkoswki, M°Mario Stefano Pietrodarchi e il M°Alexander Romanovsky. Dal 2018 entra a far parte dell'Orchestra Filarmonica di Benevento collaborando con direttori di fama internazionale come M° Sir Antonio Pappano, M°Ezio Bosso, M°Giuseppe Vessicchio, M°Anna Tifù, M°Luigi Piovano,M° Beatrice Venezi, M°Alvise Casellati, M°Francesco Ivan Ciampa e M°Alessio Allegrini. Si esibisce in varie tournèe con la Europe Philharmonic Orchestra diretta dal M°Ezio Bosso e con la Youth Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma.Nel 2019 inizia a collaborare con l'Orchestra Filarmonica Vittorio Calmani diretta dal M° Hossein Pishkar e dal 2020 con l'Orchestra Notturna Clandestina diretta dal M° Enrico Melozzi e con la Monferrato Classic Orchestra. Prende parte a vari festival internazionali come Ravello festival, Al bustan Festival di Beirut diretta dal M° Gianluca Marcianò e al Festival “Suoni dal Golfo” di Lerici nell'edizione del 2019 sotto la guida dello stesso M°Gianluca Marcianò e esibendosi con solisti di grande fama.

Eleonora Podestà

Eleonora Podestà, nata nel 2004, ha iniziato precocemente i suoi studi musicali sotto la guida del M° Pierpaolo Riccomini, debuttando a 9 anni come solista con orchestra Chiavari Classica. In duo con pianoforte si è esibita in Italia, Romania e in Danimarca. Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali ottenendo sempre il primo premio, o il primo premio assoluto. Da diversi anni segue corsi e master class tenuti da celebri violinisti quali Salvatore Quaranta, Ilija Marinkovic, Cristiano Rossi, Duccio Ceccanti, Gabriele Bellu, Igor Cantarelli, Maurizio Cadossi, Klaidi Sahatci e Ernst Kovacic. Ha preso parte al laboratorio orchestrale organizzato dall'ISSM “Boccherini” di Lucca collaborando con Bruno Canino al pianoforte e Andrea Nannoni al violoncello. Ha partecipato all'IMOC Festival 2019 di Chianciano Terme e ha frequentato la Summer Academy presso l'università Mozarteum di Salisburgo. Attualmente frequenta il secondo anno del triennio di primo livello presso il Conservatorio “G. Puccini” della Spezia nella classe del M° Duccio Ceccanti.

Viola

Francesca Senatore

Si diploma al liceo classico nel 2016, consegue nel 2018 la laurea triennale di primo livello in Viola con massimo dei voti e lode al Conservatorio di Musica “G.Martucci” di Salerno.
Approfondisce lo studio della Viola in corsi di perfezionamento con maestri come Simonide Braconi, Giuseppe Mari, Francesco Fiore. Nel 2018 risulta ammessa all’audizione come Viola di fila per “l’Orchestra Giovanile Italiana” e viene ammessa al biennio del conservatorio della Svizzera Italiana nella classe del maestro D.Rossi. Attualmente sta concludendo la laurea di secondo livello in Viola sotto la guida del maestro Francesco Fiore.

Cello

Giulia Libertini

Giulia Libertini inizia lo studio del violoncello all’età di cinque anni con il M. Aldo D’Amico. Nel 2001 vince il suo primo concorso nazionale, ottenendo il primo premio assoluto come solista e il primo premio per la categoria musica da camera. Successivamente risulta vincitrice, in formazione da camera e come solista, di numerosi concorsi nazionali ed internazionali:
Nel 2004 e nel 2007 vince il 1° premio al concorso “Anemos” come solista e in formazione da camera e dal 2003 al 2010 partecipa al concorso internazionale “Jugend Musiziert” qualificandosi sempre come finalista e vincendo il terzo premio nella categoria musica da camera con il proprio trio. Nel 2012 si diploma presso il Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia con il M. Claudio Marini. Nel 2013 suona da solista alla Triennale di Milano in occasione della serata di premiazione della Cathay Pacific e dal 2014 suona come solista e in formazione cameristica al Ridotto del Teatro Grande di Brescia e all’Auditorium San Barnaba di Brescia. Nel 2014 vince il primo premio al concorso per solisti ”Luca Marenzio” di Brescia e successivamente le viene assegnata una borsa di studio per merito dal Conservatorio. Nel 2015 esordisce come solista accompagnata dall’orchestra “Maggio” e dall’ “Ensemble Luca Marenzio” con il concerto di Haydn n.2 in re maggiore per violoncello e orchestra. Nel 2016 conclude il Biennio di violoncello presso il Conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia, ottenendo il massimo dei voti e la lode e successivamente approfondisce lo studio della musica antica con un Master in violoncello sotto la guida del M. Scandelli. Da novembre 2015 risulta allieva effettiva dell’Accademia per professori d’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, ricoprendo il ruolo di primo violoncello, grazie al quale ha avuto l’opportunità di esibirsi con il M. Zubin Mehta in occasione del concerto di riapertura del Colosseo, eseguendo il celebre solo del Guillaume Tell di Rossini. Nell’agosto 2017 ha inoltre collaborato con l’orchestra da camera i Cameristi della Scala e nell’ottobre 2017 con la Filarmonica del Teatro la Fenice di Venezia. Nell’ottobre 2017 ha avuto l’opportunità di eseguire il “Triplo Concerto” di L.v.Beethoven. Nel 2018 risulta idonea alle audizioni per violoncello di fila indette dalla Fondazione Haydn di Bolzano e dal Teatro alla Scala di Milano. Nel 2019 risulta idonea in qualità di violoncello di fila presso l’Orchestra giovanile “L.Cherubini” e l’Orchestra “Toscanini” di Parma. Dal 2019 collabora come violoncello di fila con il Teatro “La Fenice” di Venezia.

Francesca Giglio

Si diploma in violoncello a diciannove anni con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica “Martucci” di Salerno.
Nel 2016 consegue la licenza liceale classica. Frequenta Corsi di Perfezionamento con Gianluca Giganti, Ilie Ionescu, Gabriele Geminiani, Vito Paternoster, Denis Shapovalov, Ulrike Hofmann, Massimo Polidori, Giovanni Gnocchi e Asier Polo. Svolge attività concertistica da solista, in formazioni cameristiche e in orchestra, partecipando anche a numerosi eventi tra cui Linea D’Ombra, Festival Culture Giovani- Salerno, Ravello Festival etc.
Per due anni ha fatto parte della Youth Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, ricoprendo anche il ruolo di primo violoncello. Ha frequentato il biennio di formazione presso l’Orchestra dell’Accademia della Scala di Milano, nella quale è stata diretta da Zubin Mehta, Ivan Fischer, David Coleman, Manfred Honeck e Vladimir Fedoseev per concerti anche all’estero (Ginevra, New York, Muscat, Algeri, Riad, Beirut, Wolfegg), con solisti di chiara fama: Pollini, Manara, Braconi. Frequenta il Corso di Perfezionamento con Bruno Delepelaire, primo violoncello dei Berliner, presso la Scuola di Musica di Fiesole.

Elettra Mealli

 Elettra Mealli è nata a Firenze nel 1997. Ha iniziato lo studio del violoncello presso la Scuola di Musica di Fiesole. Successivamente ha frequentato il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze nella classe del M° Andrea Nannoni, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode. Vincitrice di concorsi e varie borse di studio, ha proseguito i suoi studi presso il Conservatorio “Francesco Venezze” di Rovigo frequentando il biennio di specializzazione sotto la guida del M° Luca Simoncini, laureandosi con il massimo dei voti e la lode. Ha partecipato a varie masterclass di violoncello e di musica da camera tenute dai Maestri Patrizio Serino, Andrea Nannoni, Giovanni Gnocchi, Bruno Canino, Alfonso Ghedin, Andrea Repetto, Christophe Giovaninetti, Antonello Farulli. Ha svolto attività̀ di duo con pianoforte e in varie formazioni di musica da camera, tenendo concerti in tutta Italia. Nel 2018 ha vinto l’audizione per il corso di alta formazione YoYo indetto dall’Orchestra Regionale Toscana, partecipando a numerosi concerti ed esibendosi in sale prestigiose come il Gasteig a Monaco o la Brucknerhaus a Linz. Attualmente collabora con l’Orchestra Regionale Toscana in qualità di violoncello di fila.

 

 

Contrabasso

Sofia Bianchi

Sofia Bianchi ha iniziato lo studio del contrabbasso nel 2010, presso il Conservatorio "Puccini" di La Spezia e si è diplomata con lode al Conservatorio "Boito" di Parma sotto la guida del Prof. Riccardo Donati. Attualmente frequenta i corsi di perfezionamento presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali "Rinaldo Franci" di Siena. Ha frequentato i corsi di perfezionamento tenuti dai contrabbassisti A. Bocini, T. Barbé, G. Ragghianti, U. Fioravanti, A. Mazzantini, D. Styffe. Collabora con l'Orchestra da camera "Arrigo Galassi" in Svizzera, l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino, l'Orchestra Carlo Felice di Genova, l'Orchestra Filarmonica della Calabria e l'Orchestra del Festival Pucciniano di Torre del Lago. Ha eseguito la prima esecuzione italiana dell'opera "Sardanapalo" di F. Liszt e due composizioni di T. Shakidi con l'Orchestra Excellence in occasione del Festival Suoni dal Golfo. Si è esibita con importanti direttori e solisti quali Alpesh Chauhan, Daniele Gatti, Fabio Luisi, Juraj Valcuha, Lorenzo Viotti, Bruno Canino, Sergej Krylov, Danilo Rossi, Federico Maria Sardelli, Lilya Zylberstein, Lorenzo Viotti, Riccardo Muti, Danilo Rea, Ezio Boxwood, Roberto Cappello, Dennis Russel Davies, Anna Tifu. Nel 2016 ha eseguito, come solista, al Teatro Civico di La Spezia, il Concertino per Contrabbasso e Archi di L. E. Larsson. Nel 2019, in collaborazione con l'associazione Musica Con Le Ali, ha eseguito il Duetto per Clarinetto e Contrabbasso di G. Bottesini alla Scuola Navale "Francesco Morosini" di Venezia. In collaborazione con i Comuni di La Spezia e Lerici, si esibisce regolarmente in provincia, soprattutto in duo pianistico e in un quartetto di contrabbassi, di cui scrive gli arrangiamenti. Dal 2007 si dedica anche allo studio del basso elettrico. Ha suonato come bassista in varie band rock, progressive, blues e ha partecipato alla registrazione di dischi di cantautori locali. Nel 2013 si è esibita al Festival Internazionale di Poesia in un concerto in memoria di Franco Fanigliulo, per l'associazione "Goodbye Mai". Si dedica anche allo studio del canto moderno, partecipando a seminari e esibendosi anche come cantante. Attualmente canta in un gruppo rock con il quale ha un album uscito nel 2018, tre singoli e un EP.
 

Un direttore d'orchestra italiano, Gianluca Marcianò, è sempre più richiesto dal suo debutto operistico con l'Opera Nazionale Croata nel 2007. Elogiato sul Sunday Times per la sua "immancabile direzione teatrale e idiomatica", Marcianò lavora con i teatri lirici di Oviedo, Minsk, Lubiana e Yerevan, oltre che nel Regno Unito (English National Opera, Grange Park Opera, Scottish Opera, Opera North e Longborough Opera Festival). Ha diretto molte opere in tutto il mondo, tra le altre: La Traviata, Tosca, Un Ballo in Maschera, Rigoletto, Die Zauberflöte, La Nozze di Figaro, Don Giovanni, Cosi fan Tutte, Alzira, Nabucco, Don Carlo, Eugene Ogienin, Samson et Dalila e Madama Butterfly.

Marcianò è il direttore artistico del Festival Al Bustan di Beirut. È anche fondatore e direttore artistico del Festival Suoni dal Golfo di Lerici e direttore ospite principale del Teatro Nazionale Accademico Bolshoi della Bielorussia. Dal 2011 al 2014 ha ricoperto il ruolo di Direttore Musicale / Direttore Principale dell'Opera di Stato di Tbilisi, dove le sue rappresentazioni liriche hanno incluso La Forza del Destino, Cavalleria Rusticana, Nabucco, Attila, Il Trovatore, Mitridate, Re di Ponto e Aida. Durante la sua permanenza a Zagabria come direttore principale, ha diretto Nabucco, La Traviata, Turandot, Carmen, La Cenerentola e Il Barbiere di Siviglia. Nel 2011 ha diretto La Traviata all'Opera di Stato di Praga. Dal 2017 al 2019 Gianluca Marcianò è stato Direttore Principale del Teatro Nazionale Serbo di Novi Sad.

Come direttore d'orchestra, Marcianò ha lavorato con molti grandi cantanti e strumentisti, come ad esempio: Elina Garanča, Sumi Jo, Simon Keenlyside, Sondra Radvanovsky, Olga Peretyatko, Danielle De Niese, Gautier Capuçon, Renaud Capuçon, Arabella Steinbacher, Anna Tifu, Francesca Dego, Alexandra Soumm, Steven Isserlis, Boris Andrianov, Maria João Pires, David Geringas, Khatia Buniatshvili, Sergei Krylov, Nina Kotova, Giovanni Sollima, Sergei Nakariakov, Denis Kozhukin e Alexander Buzlov. Ha diretto la Royal Philharmonic Orchestra, la English Chamber Orchestra, la National Chamber Orchestra of Armenia, la Baltic Philharmonic polacca, la Wroclaw Philharmonic, la Georgian Philharmonic, la Tokyo New City Orchestra, la Bournemouth Symphony Orchestra, la Hallé Orchestra, la Oviedo Filarmonia, la Moscow City Russian Philharmonic, l'Orchestra Filarmonica di Sarajevo, l'Orchestra di Padova e del Veneto, l'Orchestra Filarmonica Libanese, l'Orchestra Classica di Madeira, l'Orchestra Giovanile Statale di Armenia, l'Orchestra da concerto della BBC, l'Orchestra Mondiale, l'Orchestra Sinfonica della Voivodina, l'Orchestra di Macao, l'Orchestra Sinfonica di Pechino e molte altre.

Giulio Arnofi, Assistente del Direttore & Responsabile Archivio

Dopo gli studi presso il Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara, si laurea in direzione d’orchestra presso il Conservatorio G. B. Martini di Bologna con il M° Luciano Acocella e studia composizione con il M° Cristina Landuzzi. Contemporaneamente frequenta diverse masterclass con Maurizio Arena, Daniele Agiman, Julius Kalmar, , Dominique Rouits, Günter Neuhold e Marco Zuccarini. Ora sta frequentando il Biennio specialistico al Conservatorio G. Verdi di Milano con il M° Daniele Agiman. I suoi ampi interessi musicali lo portano ad approfondire diversi repertori, dalla musica antica al melodramma alla musica del Novecento al repertorio corale. A settembre 2019 a fatto il suo debutto all’Opera di Stato di Varna (Bulgaria) con il Barbiere di Siviglia. E’ stato selezionato tra le classi di Direzione d’orchestra del Conservatorio G.Verdi di Milano per partecipare alla produzione dello stesso,  dedicata quest’anno al Don Giovanni di W.A. Mozart, ulteriormente selezionato ha diretto nel maggio 2019 una recita dell’opera mozartiana presso il Teatro Carcano di Milano con l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Milano. A febbraio 2019 ha fatto il suo debutto con l’orchestra La Verdi di Milano nella stagione di Crescendo in musica con la messa in scena, in prima assoluta, di Giunin Pipeta, opera breve di Angelo Bellisario per solisti, coro di voci bianche e orchestra. A maggio 2018 ha diretto lo Stabat Mater di G. Rossini guidando l’Orchestra Senzaspine presso il Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara e presso il Mercato Sonato a Bologna. A ottobre 2018 è stato selezionato a partecipare alla prima edizione dell’Accademia di direzione d’orchestra tenuta dal M° Matteo Beltrami presso il Teatro Coccia di Novara. Nell’ agosto 2017 è stato selezionato dal M° Maurizio Arena, all’interno della masterclass di concertazione e direzione d’orchestra, per dirigere La Traviata presso il Teatro Mancinelli di Orvieto. Nel 2015 segue il corso d’interpretazione vocale presso l’Accademia Rossiniana di Pesaro con il M°Alberto Zedda. Nel 2016 è selezionato per partecipare al corso di Direzione di musica contemporanea organizzato dal Divertimento Ensemble con il M° Sandro Gorli ed è ulteriormente selezionato per alcuni concerti in Piemonte. Ha curato la messa in scena e l’esecuzione dell’Histoire du soldat di Strawinsky presso il Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara e il Teatro della Fortuna di Fano nel 2016 e una riduzione del Flauto Magico mozartiano per la stagione del Teatro Ragazzi presso il Teatro Comunale di Ferrara con l’Orchestra Città di Ferrara nel 2017, replicato poi nel giugno 2018. E’ stato assistente del M° F. Chaslin, del M° M. Barbacini. Per il repertorio barocco ha collaborato con Sonia Prina e Gloria Banditelli. Collabora con alcuni cori della città di Ferrara in qualità di maestro e assistente, in particolare con l’Accademia Corale V. Veneziani. Ha collaborato inoltre con gli attori Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni per la realizzazione di uno spettacolo dedicato alla Divina Commedia al Teatro Valle di Roma e presso il Festival medioevale di Anagni. Ha diretto diverse compagini orchestrali tra cui, l’Orchestra Città di Ferrara, I Musici di Parma, l’Orchestra Sinfonica “Duchi d'Acquaviva”, l’Orchestra Senzaspine, l’Orchestra del Teatro Mancinelli, l’Orchestra Antiqua Estensis, il Freon Ensemble e il Divertimento Ensemble, Ensemble del Novecento del Conservatorio G. Frescobaldi e del Conservatorio G.B. Martini, Orchestra Sinfonica del Conservatorio G.Verdi di Milano, Orchestra da Camera del Maggio Musicale Fiorentino, Coro e Orchestra dell’Opera di Stato di Varna (Bulgaria).